Allegracuore

Note di degustazione

Colore: rosso granato
Profumi: amabile, corposo e vellutato
Gusto: intenso e persistente caratteristico di essenza di rovere

Caratteristiche del territorio di produzione

Zona di Produzione: Etna
Superficie vitata in Ha: 2
Esposizione: Nord/Est
Altitudine slm: 700 metri
Tipo Terreno: vulcanico
Età vigneti: 25 anni
Densità d’impianto: 8000 piante
Sistema di allevamento: Alberello
Ql. Uve per ha: 40
Resa vino per Ql.uve: 50% circa
Periodo Vendemmia: Novembre
Andamento climatico: asciutto

Vinificazione

Macerazione in bacca in giorni: 8
Contenitori di fermentazione: acciaio
N. giorni di fermentazione: 8
Temperatura di fermentazione: 28°C
Fermentazione malolattica: si

Packaging

Bottiglia di vetro: 0,75 l
Numero di bottiglie per cartone: 6

Analisi di laboratorio

Gradazione zucchero a vendemmia: 23-25° babo
Acidità totale del mosto a vendemmia: 6-8
Gradazione alcolica: 14,50-15% Vol
Ph: 3.40-3.60

Invecchiamento e affinamento

Invecchiamento perpetuo in botti di rovere
Affinamento in bottiglia: 5 anni
Tipo di legno: Rovere di Slavonia

Abbinamenti gastronomici

Si accosta alla frutta, ai dessert e dolci
Temperatura di Servizio
16-18° C

Linea Vulcano

Per i Greci l’Etna era una montagna considerata sacra; essa nasceva dall’unione di Cielo e Terra, ed apparteneva ad una generazione che precedeva i Titani e gli dei dell’Olimpo. Secondo il poeta Claudiano l’Etna custodiva, in un luogo segreto i resti dei giganti sconfitti dagli Dei. Da qui nasce la Linea Vulcano. L'allegracuore è un vino nobile profondamente legato al territorio, è realizzato con vitigni coltivati al alberello da due varietà di uva: Nerello Mascalese e Nerello Cappuccio. Un tesoro corposo, vellutato e piacevole da bere, che scavalca i limiti del tempo e rimanda ai contrasti del Vulcano: montagna incantata che alterna calde notti insonni alla quiete apparente delle mattine innevate. La caratteristica del vino è il suo invecchiamento perpetuo in botti di rovere. In quanto viene prelevato il 10% di vino dalle botti e viene passato nelle bottiglie. Quel 10% mancante, viene sostituito con il vino dell’anno in corso.
L’allegracuore, consacrato dal Papa Giovanni Paolo II è un marchio infuocato, rosso come il sentimento, che illumina la bottiglia e la rende indimenticabile.